Kum festival Ancona

Sabato 11 Novembre 2017

Stiamo tornando da Ancona. Un viaggio veloce: partenza alle 7:30 del mattino e ritorno in serata. Una giornata trascorsa con persone splendide!

Finalmente ho potuto abbracciare le mie compagne! Una gioia impagabile!

Emozione pura capace di smuovere anche una persona rigida come me.

Il primo incontro 6 anni fa esatti in un forum trovato per caso navigando in Internet. Ero alla disperata ricerca di risposte. Volevo scovare una qualsiasi prova scientifica che mi infondesse speranza. Avevo appena saputo di avere un cancro al seno avanzato e avevo fatto la prima chemio. Tumore inoperabile, bisognava prima ridurlo e a aggredirlo.

Non trovai le certezze di sopravvivenza che volevo ma trovai molto di più. Persone come me, storie di vita, storie di persone alla ricerca di cure, di risposte, alla ricerca di uno spazio in cui sfogarsi, lasciarsi andare ed esprimere le proprie paure attraverso il racconto delle proprie esperienze. Nulla di più. Nessuna ricerca di pietà o, al contrario, di passare per eroine. Non c’è nulla di eroico nell’avere un cancro. Non c’è nulla di eroico nel desiderare di essere ascoltate e capite da qualcuno che sta affrontando, o che ha affrontato, esperienze simili.

È stato così, per caso, che ho conosciuto persone che mi hanno accompagnato ed ascoltato quando la vita mi aveva messo a terra. Mai avrei pensato di riuscire, oggi, ad abbracciarle!

Ho finalmente abbracciato Daniela e ho conosciuto Laura, Elena, e Letizia. Alcune hanno avuto un tumore, altre no ma sanno come il cancro possa cambiare la vita. Le ho osservate e ascoltate, tutte diverse. Tutte speciali. Tutte unite per darsi da fare verso un solo unico obiettivo: stare vicino a donne affette da tumore al seno e lottare per i loro diritti, per la ricerca…Vi garantisco che troverete un famiglia che non vi lascerà mai più sole!

La vita molte volte mi ha messo a terra, mi ha fatto vedere tutto nero, senza via d’uscita ma grazie a persone così ho capito che vale SEMPRE la pena lottare. Non sarei qua, pur nella sofferenza, non avrei avuto modo di guardare oltre e di vedere che se non ci si abbatte si può affrontare QUALSIASI SITUAZIONE.

Ho già scritto che in futuro pubblicherò un articolo dettagliato su questa bellissima associazione che mi ha accolto a braccia aperte. Lo farò presto.

Intanto vorrei segnalare un altro blog di due ragazze giovani, intelligenti, vivaci che stanno lottando contro il cancro Il sogno nel cassetto di Claudia e Milly.

Ci sono moltissimi blog, moltissime persone che sentono l’esigenza di raccontare di sè e del cancro.

In molti ci seguono ma sono tante anche le persone che criticano. Comprendo certe critiche e le accetto umilmente se riguardano in generale l’uso dei social nella società odierna ma se le persone che criticano sono fruitrici dei social nella vita quotidiana allora vorrei rispondere così: è facile criticare persone che cercano semplicemente un modo per raccontarsi. Ognuno usa i social come vuole e, se non crea danno a qualcuno, è giusto che lo faccia.

A chi crede che una persona malata di cancro voglia solo mettere in mostra la sua vita per suscitare pietà o compassione, per avere like o peggio per guadagnarci rispondo che non si può generalizzare. Io stimo tutte quelle persone che hanno il coraggio di aprirsi e parlare senza peli sulla lingua della malattia, Credete, forse, che sia comodo? E’ difficile e a volte si ha paura di sbagliare, di scrivere troppo, di creare falso buonismo, ma insieme si è più forti e le parole di conforto, anche virtuali, delle persone ci danno forza e coraggio.

Ultima cosa: ci sono milioni di persone che seguono personaggi famosi osservando attentamente selfie di Belen, di quella che sta insieme a Fedez ma non so come si chiami etc…e poi si scandalizzano se una ragazza posta una foto mentre fa la chemio?!

Siamo tutti uguali: tutti abbiamo necessità di essere guardati, ascoltati, capiti perché da soli non siamo nulla. Non c’è nulla di male.

 

 

Un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...