Pensieri sparsi di questi mesi “pazzeschi”

Dopo l’ultima chemio, il 3 luglio 2019, ho perso anche le ultime quattro ciglia e sopracciglia che restavano sul mio viso. Ho trascorso un mese a controllare se ricrescevano, con le dita unte di olio di ricino e gli occhi appiccicosi.

Avevo tolto il foulard perché avevo deciso che era il momento. Avevo 4 peli in testa, radi, corti e vari buchi qua e là, si vedeva la pelle rosa e nessun segno di rinfoltimento di capelli.

Le ciglia hanno ricominciato a crescere dopo circa un mese, ma è solo ora, 24 settembre, che posso dire di avere di nuovo il “mio” viso, e di riconoscermi allo specchio. Il mio corpo ha ripreso le sue funzioni ed è “ripartito”.

Solo questo piccolo particolare mi fa sentire di nuovo “me”.

Sono solo stupidi peli, eppure cambiano così tanto il nostro volto.

Mi sento rinascere.

Mi sentivo rinascere già a Minorca, ero grata alla vita perché 8 mesi prima non avrei mai pensato che sarei stata là. Abbiamo prenotato due settimane prima un viaggio di sei giorni che già ci faceva respirare, assaporare vita normale.

Profumo di vita, è la prima sensazione che ho avuto appena scesa dall’aereo: un profumo dolciastro ha raggiunto e sorpreso le mie narici. All’inizio pensavo fosse l’odore inebriante di un panificio o una pasticceria, invece era proprio il profumo di quell’isola ancora incontaminata. Infatti l’indomani era ancora là, a rallegrare e allietare il mio cervello tramite quel senso potente e sottovalutato che è l’olfatto.

Il 17 settembre ero dentro il tubo della risonanza, di nuovo, per l’ennesima volta in questi ultimi 9 mesi.

30 minuti in quel lettino sono tanti, non perché bisogna stare immobili, non per il rumore fastidioso della macchina della risonanza, non per il mezzo di contrasto, ma perché in quei momenti i pensieri che ti affliggono sono molto più rumorosi di quel macchinario che fotografa nei minimi dettagli il tuo cervello.

È proprio in quei momenti che inizi a pensare a quello che potrebbero rivelare le immagini di quell’organo così complesso e affascinante: l’encefalo.

Ormai sei abituata alle brutte notizie e inizi a pensare al peggio.

Ho imparato che è proprio in quei momenti (descritti volontariamente in seconda persona, perché è un’esperienza condivisa) che dovresti tirare fuori i ricordi belli e mettere in moto tutti i tuoi sensi: vista, olfatto, tatto, udito e gusto.

Ho provato per la prima volta non solo ad immaginare di essere di nuovo in un luogo magnifico, ma anche a sforzarmi di sentire, udire, odorare, toccare, assaporare, come se fossi stata davvero là.

Ovviamente ho pensato ai bellissimi paesaggi “vissuti” a Minorca.

Non vediamo solo con gli occhi, ma sentiamo, viviamo le esperienze in modo totalizzante grazie ai sensi.

State ridendo?

Giuro che ha funzionato!

Ogni tanto ritornavo là, sola, distesa sul lettino in quella stanza fredda, ma poi mi concentravo ancora ed ero di nuovo a Minorca e sentivo ancora quel profumo…

La risonanza è andata bene alla fine!

Un altro piccolo, enorme traguardo!

Viva la vida!

4 commenti

  1. Come già accaduto in precedenza sembra che scrivendo tu dia voce ai miei pensieri e a sensazioni che già sperimentate!! Nella solitudine di una tac o di una risonanza o ancora di una seduta di chemio mi è capitato di vagare con la mente e distaccarmi da quello che mi stava accadendo per rifugiarmi in luoghi che mi sono cari e dove trovo pace e serenità… le mie amate montagne!!
    Sono contenta che tu abbia avuto buone notizie..
    Per me la lotta continua…ancora presenza di malattia per cui mi si prospetta l’ennesimo intervento, ma tengo duro perché se c’è una cosa che ho imparato in questi 2 anni di lotta è che devo tenere duro perché non ho alternative!!!

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...